Tutte le risposte alle domande frequenti sulle modalità di versamento F24 per gli atti privati

Compilazione, calcolo imposte e sanzioni, inserimento della controparte e tante altre indicazioni in questa serie di FAQ sui versamenti per gli atti privati attraverso F24

Districarsi nel versamento delle imposte con F24 per gli atti privati non è così scontato, nemmeno per gli Agenti Immobiliari. Per questo abbiamo pensato di stilare una lista di FAQ (Domande Frequenti) con cui risolvere i principali dubbi di chi si trova a dover fare i conti con le registrazione di preliminari e contratti di comodato.

Prima di entrare nel vivo delle risposte, però, vi vogliamo dare un consiglio spassionato: se davvero volete non avere alcun problema, affidatevi a Regold. Da oltre 10 anni supportiamo gli Agenti Immobiliari nel superare gli ostacoli della burocrazia. Il nostro servizio Registrazione Preliminari, ad esempio, è una soluzione efficace e innovativa per portare a termine le pratiche in velocità e sicurezza. 

Ma torniamo nel merito delle FAQ.

Dall’anno scorso -precisamente dal’1 settembre 2020- è obbligatorio pagare le imposte per gli atti privati attraverso il modello F24.

Avevamo spiegato nel dettaglio le nuove modalità di versamento con la relativa lista dei codici tributo in un nostro precedente articolo (che potete leggere QUI). 

Ora, invece, ci concentreremo sullo spiegare la compilazione, il calcolo dello spettante e sanzioni, come inserire correttamente la controparte e tante risposte -chiare e precise- sul versamento delle imposte con l’F24 per gli atti privati.

Come si compila l’F24 per il versamento delle imposte di un atto privato?

Compilare correttamente l’F24 per il versamento delle imposte di un atto privato necessita di concentrarsi sulla sezione erario e sulla sezione contribuente. Quindi, i campi che vanno completati nel modello F24 per la registrazione di preliminari e/o proposte sono i seguenti:

Sezione contribuente: si devono inserire i dati anagrafici della parte acquirente, a cui di norma va l’onere della registrazione del contratto preliminare.

Importante: nella parte del coobbligato si indica il codice fiscale del venditore, seguito dal codice identificativo 63 assegnato alla controparte. 

Sezione erario: occorre indicare le imposte da corrispondere. In questa sezione si compila solo la colonna codice tributo. Per la lista completa dei codici tributo vi rimandiamo a QUESTO ARTICOLO

Seguirà poi l’anno di riferimento che corrisponde all’anno in cui è stato firmato/accettato la proposta o il preliminare. L’ultima colonna da compilare è quella degli importi a debito versati nella quale inserire gli importi relativi ai codici precedentemente identificati.

Come si paga l’F24?

Quando il modello F24 è completo, è possibile pagare sia recandosi fisicamente allo sportello della banca o in posta, ma anche attraverso homebanking.

Da quando si iniziano a contare i giorni necessari per il pagamento/registrazione?

I giorni che si hanno a disposizione per il pagamento e quindi per la registrazione di una proposta/preliminare o scrittura privata sono 20. 

Per i preliminari e le scritture private i 20 giorni si contano dalla data di stipula. Diverso è il discorso delle proposte per le quali i 20 giorni si contano dall’ultima firma presente sul modello, ovvero dall’avvenuta conoscenza da parte dell acquirente dell’accettazione del venditore.

Si possono pagare le marche da bollo con F24?

Secondo l’ultima risoluzione dell’AdE del 08/04/2021 la possibilità di assolvere il pagamento dell’imposta di bollo mediante il modello F24 deve intendersi limitata ai casi di irreperibilità del contrassegno telematico. Su questo punto troviamo pareri discordanti: molti uffici dell’Agenzia delle Entrate richiedono esclusivamente il pagamento dell’imposta di bollo mediante F24. Consigliamo di contattarci per valutare il caso specifico assieme ai nostri esperti.

Come si conteggiano le sanzioni sui ritardi?

Per conteggiare correttamente le sanzioni per eventuali ritardi si devono tenere in considerazione due aspetti:

Per quanto riguarda le imposte di bollo: devono avere data antecedente (o la stessa) della firma del preliminare/proposta. Se si va oltre verrà applicata una sanzione pari al 10% anche se all’interno dei 20 giorni utili per la registrazione.

Per quanto riguarda le sanzioni relative alle imposte: vengono calcolate in percentuale a seconda dei giorni di ritardo. Il calcolo viene fatto sull’intera imposta di registro e non solo sull’imposta fissa. Non si tratta di un calcolo immediato: affidarsi al nostro servizio Preliminari permette il conteggio automatico delle imposte e sanzioni, sollevandovi da questo onere.

Queste erano le domande più frequenti che ci vengono rivolte riguardo il versamento delle imposte con F24 per gli atti privati

Ma se non volete avere nessun dubbio o problema, la scelta corretta è quella di affidarsi a Regold: un’intera suite di servizi completamente dedicata agli Agenti Immobiliari.

VAI A REGOLD